Candy è cambiata: tutto quel che c’è da sapere sul lancio al Salone del Mobile 2024

Dopo gli anni del Covid e le fiere a metà è tornata agli antichi splendori anche Eurocucina (FTK), il padiglione biennale all’interno del Salone del Mobile in cui si  si presentano al mondo le novità principali dei grandibrand di elettrodomestici.

Questa occasione è sempre la prescelta da tutti per presentare sì novità di prodotto ma anche re-branding di marchi storici.
Ed è proprio quello che ha fatto il marchio italiano di elettrodomestici Candy, che dal 2019 insieme a Hoover fa parte del gruppo Haier (brand di fascia premium), in occasione di questa edizione 2024.

Candy, infatti, ha optato per un riposizionamento nel mercato con un nuovo logo, nuove linee di soluzioni intuitive all’insegna del design, della qualità e dell’accessibilità perchè è molto importante per il marchio essere in grado di soddisfare le esigenze di tutti.

Ho voluto quindi andare a verificare di persona la principale premessa che mi era stata anticipata: Candy voleva alzare di molto la qualità dei materiali con cui vengono realizzati i prodotti ed è proprio il punto che mi ha colpita di più.

E chi sono io per non andare a toccare con mano?

Sono stata quindi invitata alla presentazione ufficiale che si è tenuta il 15 aprile a palazzo Pwc di CityLife a Milano, dove sono stati ripercorsi i momenti salienti della storia di Candy e sono stati rivelati nuovi percorsi e nuovi obiettivi per il brand, in primis quello di semplificare concretamente la quotidianità delle persone. Come? Con la fornitura di soluzione efficienti in tutte le categorie prodotto, per creare un ambiente domestico “ready to live” ovvero di facile gestione.

Il giorno successivo ho voluto immergermi ancor di più nell’evoluzione di Candy e dei suoi prodotti andando a visitare lo spazio espositivo di EuroCucina dedicato al marchio. Qui ho intervistato Micaela Marcon, Brand Manager di Candy per farle qualche domanda per voi.

Ecco cosa ci ha raccontato.

Innanzitutto, come si pronuncia Candy? Molti lo pronunciano all’inglese, è corretto?

No, non è corretto. Se mi si consente una piccola citazione, Candy si pronuncia come si scrive: si scrive Candy e si legge Candy. Siamo un’azienda italiana nata nel 1945, nel 2019 siamo entrati nel gruppo Haier mantenendo il nostro heritage e la nostra identità.

Ieri, 15 aprile, abbiamo assistito alla presentazione della “rivoluzione” di Candy, ovvero il suo nuovo posizionamento, che significa nuovo logo, nuovo target e anche nuovi materiali. Ad esempio, mi racconta la nuova linea di frigoriferi?

Avere una classe A per i frigoriferi Candy significa molto per il suo riposizionamento nel mercato, i materiali come l’inox antimronta e il design del nuovo frigo ad incasso raccontano un prodotto totalmente rinnovato. Abbiamo infatti lavorato a lungo per rivoluzionare il design dei prodotti, oltre che del logo. Una delle novità a livello estetico è, ad esempio, la porta che è a filo e si allinea al top della cucina per salvare spazio e avere il minor ingombro possibile.
Aprendo il frigorifero, poi, si possono notare altre novità: in primis i ripiani in cristallo, materiale dei modelli top premium e anche la qualità della plastica è molto più resistente.
La cosa che salta subito all’occhio poi è Panorama light, una luce sullo sfondo del vano frigo realizzata nelle fabbriche Haier e la Circle Fresh Technology, che permette un’omologazione della temperatura e una circolazione dell’aria uniforme in tutto il frigorifero, in modo che non ci siano zone con temperature diverse e il cibo si conservi al meglio delle sue proprietà.
Tutto ciò concorre al concetto base del nostro riposizionamento ovvero “accessibile high quality”.

 

Vi siete avvicinati al mondo IoT con i nuovi prodotti Candy?

Certo, lo abbiamo fatto attraverso l’app hOn, con la quale è possibile gestire tutto il “parco elettrodomestici” Candy in pochi secondi dal proprio smartphone. Nel caso del frigorifero è molto interessante, a mio avviso, la funzione “Alert”, un avviso che arriva al proprio dispositivo in caso di calo di tensione. Questa funzione può essere molto utile mentre si è in vacanza, ad esempio, per evitare di trovare brutte sorprese con il cibo al proprio ritorno e non sprecare.

Ho visto nel vostro stand in fiera anche la nuova gamma Candy Black. Quali sono le novità 2024 per i forni Candy?

Partendo anche questa volta dall’estetica, il design parla già da solo. Anche per i forni, i materiali utilizzato sono di qualità top premium, a partire dalla semplice maniglia che è un pezzo unico di metallo come fanno i brand di altissimo livello.
Tipicamente il forno viene usato meno del previsto dalle persone, in quanto si pensa che impieghi molto tempo nella cottura e sia quindi adatto a ricette più elaborate, che solitamente non abbiamo tempo di fare nella nostra quotidianità. Candy rivoluziona questa abitudine con il concept “Ready to Cook” reso possibile dalla tecnologia “No Preheat”, che elimina il tempo del preriscaldamento avviando il ciclo di cottura in pochi secondi per un forno adatto ad essere utilizzato tutti i giorni nei propri momenti di convivialità.

Terminiamo il nostro giro nello stand Candy con il mondo lavastoviglie, che anche in questo caso raggiunge la classe A. C’è altro di nuovo?

La lavastoviglie è probabilmente l’elettrodomestico che consuma di più, e in certi casi viene utilizzato anche più volte al giorno ma non tutti hanno tempo di aspettare i lavaggi ecologici che durano molto tempo e si sa, un lavaggio breve crea picchi di corrente. Candy ha risolto anche questo problema realizzando lavastoviglie in classe A ma con programmi brevi che riducono i consumi: con questi nuovi modelli in classe A riusciamo a soddisfare le esigenze di chi vuole avere meno consumo energetico

Io però vorrei toccare con mano e capire se anche la qualità dei materiali segue la tecnologia, cosa abbiamo di nuovo da questo punto di vista?

Aprendo la lavastoviglie si può subito notare il “Maxitub” uno stampo particolare che raggiunge un 11% in più di larghezza rispetto al mercato pur facendo rientrare la lavastoviglie nelle misure standard. Il mercato della sostituzione chiede di adeguarsi con la capienza ma senza dover stravolgere la cucina e così abbiamo prodotti nuovi, mantenendo le misure dei modelli precedenti.
Infine, Il fondo è in acciaio (che non è da dare per scontato) per avere meno odori e residui, un restyling del prodotto non solo in termini di design ma anche di resistenza.

Io vedo però anche un terzo cassetto posate e ci sono anche dei pittogrammi sopra!?

Esatto, così se si hanno dubbi si capisce subito dove è meglio posizionare quali posate e in quale verso per ottenere un lavaggio ottimale. Queste indicazioni sono anche presenti nella app hOn per poter avere sempre tutto a portata di mano e pronto all’uso.

Ready to live, Ready to use!

Se volete scoprire di più e toccare con mano le nuove soluzioni Candy, le trovate nello stand 04 D24-D25 del Salone del Mobile, Eurocucina alla Fiera Milano Rho il 20 e 21 Aprile 2024 oppure potete visitare il loro sito web totalmente rinnovato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *