Gli elettrodomestici ideali per i nostri pavimenti.

Se ne sentono di tutti i colori riguardo alla pulizia dei pavimenti: scope a vapore usate ovunque, detergenti aggressivi o bio, spazzole sbagliate, lucidatrici e i famosi aloni che non scompaiono mai. Per questo motivo ho chiesto a Rita di “Edilizia Roscini”, che di pavimenti e materiali decisamente se ne intende, un parere su come si possono pulire efficacemente le più comuni tipologie.

Ecco il suo testo e i suoi consigli.

Pavimento in laminato

  • Come è fatto

Il laminato si ottiene dalla composizione di più strati in diversi materiali. L’ultimo è costituito da un sottile film trasparente che funge da protezione.

  • Come si pulisce

Per la pulizia quotidiana è sufficiente usare l’aspirapolvere ma non a setole dure perché graffiano lo strato protettivo) e panni in microfibra.

Per una pulizia più profonda, si può usare un panno da pavimenti ben strizzato con detersivo neutro.

  • Cosa non fare

Siccome il laminato teme l’umidità, non bisogna usare panni da pavimento troppo bagnati né gettare acqua direttamente sul pavimento. No assoluto anche alla pulizia a vapore.

Pavimento in parquet

  • Come è fatto

Che sia massello o prefinito, è sempre costituito da legno naturale e come tale, non ama l’umidità.

  • Come si pulisce

Per la pulizia quotidiana è sufficiente usare una scopa con frange oppure un aspirapolvere o scopa elettrica con spazzole per parquet o anche salviette elettrostatiche.

Può anche essere lavato ma con panno ben strizzato e con l’utilizzo di detergenti secondo l’indicazione del produttore  del parquet.

  • Cosa non fare

Anche il parquet teme l’umidità e quindi non bisogna usare panni da pavimento troppo bagnati né gettare acqua direttamente sul pavimento.

Non è indicato l’uso di detergenti schiumosi, acidi, corrosivi, abrasivi che ne intaccherebbero la finitura superficiale. No assoluto anche alla pulizia a vapore.

Pavimento in graniglia- cementina- pastina

  • Come è fatto

Sono prodotti costituiti da due strati, di cui l’ultimo, molto sottile, è quello di finitura. Trattandosi di materiali composti con cemento, polveri minerali, marmo in grani ecc, tendono per loro natura, ad assorbire e quindi hanno bisogno di uno strato di cera superficiale.

  • Come si puliscono

Per la pulizia ordinaria si può usare scopa e panno morbido o aspirapolvere in tutte le sue varianti. Sarebbe meglio passarlo tutti i giorni, quindi anche un robot aspirapolvere potrebbe essere l’ideale per evitare che si depositino residui che potrebbero macchiare la superficie.

Periodicamente andrebbe ripristinato lo strato di cera protettiva.

  • Cosa non fare

Non usare mai prodotti acidi, disincrostanti, detergenti anticalcare o comunque troppo aggressivi. Sconsigliata la pulizia con vapore perché potrebbe intraccare lo strato protrttivo di cera.

Per avere ulteriori informazioni o parlare con Rita e saperne di più ecco il link al loro sito Internet con i contatti: https://www.ediliziaroscini.com

Rock’ n’ Roll Robot

So che la tradizione è quella di farlo l’8 di Dicembre ma sotto un certo pressing famigliare l’altro ieri ho comprato l’albero di Natale. Quello vero, quello in vaso, quello che quando il fioraio lo ha portato in casa, Giulio è impazzito di gioia urlando: “TANNENBAUM!”

Ebbene io credevo fossero solo i gatti a sabotare gli addobbi natalizi e invece il mio cane voleva assaggiare le palle luminose, le campanelle e pure gli angioletti di legno, infilandoci il muso dentro. Ad ogni tentativo, aghi e peli dappertutto. Ora, l’albero lo sto curando bene e non è in una stanza troppo calda, anzi è nella più fresca della casa, lontano dal riscaldamento e idratato per bene ma PERDE GLI AGHI, CHIARAMENTE.

Così come i miei cani perdono i peli e mio figlio sparge briciole. Ho resistito fino ad ora ma questo Natale mi arrenderò al robot aspirapolvere.

Sicuramente dovrà essere adatto ai pavimenti duri perchè tutto il pavimento è in cementine di graniglia, non è così necessario il sensore anti-caduta perchè la casa è interamente su un piano. Fondamentale per me saranno il filtro per i peli degli animali domestici, il timer e magari anche l’app diretta su telefono perchè in questo modo potrò avviarlo quando voglio, considerando la mia sbadataggine mi ricorderei che è il caso di farlo funzionare solo una volta uscita di casa.

Ricordatevi però sempre che il robot  non può sostituire totalmente l’aspirapolvere tradizionale perchè l’occhio umano e soprattutto femminile, vede cose che nessun robot potrà mai vedere. A volte anche immaginarie, del tipo : ” ecco un’altro coso di polvere, ah no era un’ombra.”.

Per i consigli su come utilizzarli e mantenerli al meglio ci sarà un altro articolo prossimamente.

Qui di seguito i tre robot aspirapolvere  che hanno soddisfatto i miei clienti e tra cui ci sarà anche quello che acquisterò io, provate a indovinare quale!

Ariete

La sua principale caratteristica è il diametro ridotto, (30 centimetri) che gli consente di viaggiare agilmente per casa e, quando in base ricarica, di occupare meno spazio possibile.  Sensori anti caduta, timer di partenza ritardata, telecomando e due livelli di filtrazione, primario e HEPA .

I-Robot

Adatto a pavimenti duri, in grado di pulire anche i tappeti, pulizia energica in grado di rimuovere i peli degli animali domestici, sensore di sporco, spazzole centrali basculanti e spazzola laterale per angoli. La tecnologia iAdapt fa in modo che i sensori intelligenti adattino il percorso del robot all’interno della casa evitando anche le cadute e l’app  i-Robot Home  consente di programmare le pulizie ovunque con un tocco. Acquistabili a parte i Virtual Wall tra cui è degna di nota la funzione Halo che evita che il robot, durante le pulizie vi venga tra i piedi se siete in casa.

LG

Forma quadrata, spazzolina allungata per arrivare meglio negli angoli, comando a distanza, sensore anticaduta, motore Inverter, mappatura della zona da pulire, silenzioso ( solo 60 db), batteria agli ioni di litio tra le più resistenti sul mercato, 100 minuti di funzionamento, in grado di pulire circa 150 metri quadri se a batteria completamente carica.

https://www.onlinestore.it/Casa-e-Cucina/Pulizia-della-Casa/Aspirapolvere-Robot/231714/LG-VR65710LVMP-Robot-Aspirapolvere-Motore-Smart-Inverter

Aspirapolvere, vapore e acari

Settimana scorsa sono andata a fare il test allergologico. Continuavo a tossire come una pazza e non era bronchite.

Ebbene la risposta dell’ allergologo è stata : acari.

ACARI. 

Mi da un foglio con disegnato un tremendo acaro gigante, che consegna sempre per terrorizzare la gente ma mi dice che se uno dovesse seguire tutto quello che c’è scritto impazzirebbe sicuramente.

L’unica domanda che mi sento di fare è : ma se prendo un pulitore a vapore?

Alza il sopracciglio e dice: “tanto si riformano pochissimo tempo dopo.”

Ringrazio e me ne vado.

Ma quindi queste scope a vapore che ho sempre venduto e che ho usato anche io? Ecco quindi quello che mi sento di consigliare a chi intende acquistare un pulitore a vapore o i nuovi modelli che combinano vapore e aspirazione.

1 Due cose in una raramente danno buoni risultati.

Come prima cosa quando si acquista un prodotto che fa due funzioni in uno è difficile davvero che possa farle bene entrambe.  Specialmente quando si tratta di aspirazione e lavaggio è capitato che lo sporco rimanesse incastrato nelle setole della spazzola nella fase aspirante e durante la pulizia con vapore tornasse a ripresentarsi sul pavimento, favorito dall’umidità. Considerate poi che la scopa a vapore, in poche parole, altro non è che un mocio potente: usatelo solo come passaggio quotidiano, non sostituitelo al classico straccio con detersivo e olio di gomito.

2 Che tipo di casa avete?

Se avete magari una casa su più piani potrebbe essere comodo avere un elettrodomestico che compia due funzioni in una ma solamente se il modello in questione risulta DAVVERO leggero. Cosa impossibile. Per chi ha una metratura medio piccola invece può essere una buona soluzione. Fate attenzione ad usarlo sul parquet chiedendo a chi ve lo ha posato se si può pulire con il vapore. Non credete troppo facilmente alla regolazione della potenza in base al tipo di pavimento. Sul marmo ad esempio può succedere che lasci aloni fastidiosi e di dover ripassare più volte ma tutto dipende sempre dal vostro grado di perfezione di pulizia.

3 Esigenze specifiche? 

Bambini? Cani? Gatti? Allergie?Ecco queste sono variabili da considerare. Come diceva prima l’allergologo, il vapore  contro gli acari può fare qualcosa solo temporaneamente. Inoltre la potenza del vapore di una scopa a vapore difficilmente arriva ai livelli di un vaporetto, decisamente più ingombrante ma sicuro e potente con valvola di pressione e sicurezza.  Nel caso aveste animali in casa vi consiglio di prender un modello con profumatore incorporato . A me è capitato che dopo aver passato la scopa a vapore restasse un fastidioso odore di “cane bagnato” . Meglio quindi qualcosa che abbia un profumatore o la possibilità di inserire un detergente all’interno del serbatoio.

4 Maneggevolezza e manutenzione ordinaria. 

Il problema principale è sempre quello. Se compriamo qualcosa di leggero e maneggevole non dura un accidente, se prendiamo qualcosa di robusto e potente dura tremila anni ma ci fa sviluppare numerosi mal di schiena .  Cosa fare?

Mettersi l’anima in pace. Bisognerà sempre pulire però gli elettrodomestici ci possono aiutare a fare meno fatica, se usati bene. Le scope elettriche cordless vanno benone per una pulizia giornaliera veloce ma dato che sono senza sacco vanno sempre svuotate e ricaricate. Gli aspirapolveri con filtro antiacaro sono davvero efficaci nel ridurre la dispersione di questi tremendi affari nell’aria ma solo se ci ricordiamo di cambiare il filtro quando si consuma. I panni delle scope a vapore vanno lavati in lavatrice ad alte temperature per tornare ad essere come nuovi ed efficaci nella pulizia.  Il serbatoio dell’acqua deve essere svuotato regolarmente, specialmente se si vive in città con acqua molto calcarea. Niente è esente da fatica, purtroppo.

5 Assistenza tecnica vicino a casa o comunque valida.

Fondamentale. Informatevi su internet, dal vostro negoziante di fiducia o da amici e parenti su quale prodotto si rompe meno e può andare meglio per voi. Evitate, se potete di acquistare un modello nuovo appena uscito o di case produttrici che non conoscete, anche se il prezzo vi tenta. Può succedere che subito dopo esca un modello successivo,  dove l’azienda mette rimedio agli errori di progettazione del primo.

Fondamentale sapere dove andare per eventuali ricambi o rotture di prodotto. Non finirò mai di ripeterlo che sapere, nel  momento in cui si acquista, dove andare quando si rompe l’elettrodomestico è fondamentale. Si romperà sempre di domenica ma almeno lunedì mattina avrete già il numero verde o fisso sottomano per risolvere la questione.

O affidarvi alla vostra personal shopper di elettrodomestici.

Che sarei io. Eheh.

E se comprassi un robot aspirapolvere?

Ci son due tipi di persone.

Quelli che quando comprano un paio di scarpe, una borsa o dei vestiti, se possono li indossano subito e quelli che invece se li coccolano, portandoli a casa e indossandoli con grande cura e parsimonia.

Quelli che quando comprano il pane a mezzogiorno, arrivano a casa con già mezza ciabatta mangiata a morsi e quelli che aspettano di arrivare a casa, tagliarlo e metterlo in tavola.

Quelli che leggono schede tecniche da cima a fondo, studiano manuali d’uso alla perfezione e tengono scontrini in buste di plastica . E quelli che le istruzioni non le leggono.

MAI.

Sono consapevoli dei loro limiti e vedono l’arrivo di un nuovo elettrodomestico come una sfida all’indovinare come utilizzarlo al meglio, senza romperlo .

Io se non si era capito, appartengo alla tipologia, de “i senza-pazienza”.

Un’aspirapolvere-robot per me è una bella sfida perché c’è poco da intuire e molto da studiare se si vuole utilizzarlo al meglio. Faccio quindi parte di tutte le persone che vorrebbero acquistarne uno da una vita ma c’è sempre qualcosa che li frena.

Una cosa da valutare bene prima di acquistare sono in ogni caso le traiettorie di pulizia. Il nuovo Scout rx1 di Miele copre la maggior parte della superficie come fosse uno sciatore provetto, traccia linee perfette su tutti i tipi di pavimento.Grazie  alle ruote dentate e regolando l’altezza media,  riesce a salire e pulire anche i tappeti a trama dura e senza frange.  Deve migliorarsi per problemi di lettura dei sensori che se si impolverano il robot si blocca, scalata agli sgabelli con base curva e lettura della superficie da pulire perché  nel caso si abiti in mansarda, la videocamera che legge il soffitto potrebbe avere qualche problema.
Le migliori esperienze di vendita e post vendita le ho avute con due case produttrici in particolare: Ariete e IRobot.

Ariete con il modello Briciola ha soddisfatto i clienti che volevano un modello intuitivo, poco costoso, di facile manutenzione e per superfici di metratura medio-piccola. Ogni tanto può capitare che legga riflessi del pavimento come ostacoli ma per una pulizia quotidiana sommaria è un modello molto buono. Avendo poche funzioni è anche difficile romperlo.

Fino ad ora i modelli di iRobot come Roomba e tutte le sue varianti, per me rimangono i migliori. Sono stati i primi a introdurre questa tipologia di piccolo elettrodomestico, sono in continua evoluzione tecnologica e hanno una assistenza post-vendita che al momento, sul mercato è senza pari . Difetto riscontrato: il modello con sensore dello sporco.

Soprattutto in caso di animali domestici.

Una cliente è venuta disperata in negozio perché il suo cane era stato male mentre lei non c’era e il robot era attivo, ha rilevato lo sporco e lo ha ben spalmato per casa. Ecco, per esperienza, queste cose l’assistenza, non le passa.

Fino a poco tempo fa ero ancora in attesa del modello che mi risolvesse anche il problema degli angoli . Potrebbe fare al caso mio il nuovo modello di Electrolux, Motion Sense a forma triangolare con spazzola extra lunga per angoli e battiscopa, batteria al litio con autonomia per rientro alla base. Attenderò qualche mese per vedere dal vivo il suo funzionamento e capirne pregi e difetti.

Staremo a vedere.